Addio all’On. Salvatore Tatarella: aveva 69 anni

0
Salvatore Tatarella

Fratello di Pinuccio Tatarella, è stato sindaco di Cerignola, deputato ed europarlamentare

Salvatore Tatarella non ce l’ha fatta: malato da tempo, è scomparso questa mattina, nella sua abitazione barese, circondato dai familiari. Salvatore Tatarella, che per anni è stato consigliere comunale d’opposizione (tra le fila del MSI), è stato il primo sindaco di destra di Cerignola, venendo eletto nel 1993. L’esperienza da sindaco di Cerignola termina nel 1999, anno in cui entra  in Parlamento nelle liste del Polo delle Libertà. Già nel 1994, però, Tatarella approda all’Europarlamento: siede tra i banchi di Bruxelles per ben tre volte (1994, 2004, 2009), le prime due volte in qualità di rappresentante di Alleanza Nazionale, l’ultima come esponente berlusconiano, aderendo infatti al Partito Popolare Europeo (PPE).

Tra le interrogazioni presentate da europarlamentare, ricordiamo quella per l’estradizione dei terroristi, quella riguardante la distruzione delle palme in Italia (il coleottero Rhynchophorus ferrugineus ha distrutto migliaia di palmeti presenti in giardini botanici, patrimonio culturale nazionale, ville vesuviane e ville storiche, mettendo a rischio finanche gli esemplari della storica reggia di Caserta) e quella relativa alla trasparenza della Banca Centrale Europea.

Dal 2010, in seguito allo scontro Berlusconi-Fini ad oggi:

In seguito allo scontro tra Berlusconi e Fini, nel 2010, Tatarella decide di seguire Fini, che l’accoglie in Futuro e libertà, abbandonata dal politico cerignolano nel 2014. Tatarella, però, è stato anche vicesindaco di Bari (nell’ultima amministrazione di centrodestra), consigliere regionale della Puglia, vicepresidente Regionale dell’ANCI-Puglia e direttore politico del bisettimanale Puglia d’Oggi, fondato negli anni sessanta dal fratello Pinuccio. Negli ultimi anni si è dedicato alla Fondazione Giuseppe Tatarella.

L'On. Salvatore Tatarella
L’On. Salvatore Tatarella

Sui social, in queste ore, centinaia di suoi concittadini lo hanno ricordato come il miglior sindaco che Cerignola abbia mai avuto. Lo stesso Franco Metta, attuale sindaco di Cerignola, lo ha ricordato con un post su Facebook: ”Salvatore Tatarella ci guarda dal cielo. Dal Cielo dei giusti, dal Cielo dei grandi Cerignolani. Nessuna parola può esprimere lo strazio personale, il dolore di tutta la Città. Da oggi, tutti, abbiamo un motivo in più per essere coraggiosi, retti, capaci. Salvatore ci guarda e dobbiamo essere quali Egli avrebbe voluto noi fossimo.Cerignola lo aspetta pe l’estremo saluto civile, nella sala Consiliare Comunale, per la cerimonia religiosa nella Cattedrale. Fu il Suo modo di salutarci tutti e di raccomandarsi a tutti perché il Suo infinito amore per Cerignola trovi in Noi tutti i Suoi eredi. Fratello mio, riposa in pace”.

Il sindaco Metta ha proclamato per domani, 29 gennaio, il lutto cittadino.