Ultime notizie
Home » Cultura » Francesco Rotundi: storia di un grande progettista
Francesco Rotundi
Francesco Rotundi

Francesco Rotundi: storia di un grande progettista

Conosciamo meglio Francesco Rotundi, il progettista navale foggiano che scrisse delle pagine di storia

Francesco Rotundi nacque a Foggia il 10 luglio del 1885 e, dopo il diploma all’istituto tecnico “P. Giannone”, conseguì una laurea in ingegneria navale e meccanica ed entrò in marina come tenente del Genio, prendendo servizio presso l’Arsenale di Venezia. Proprio da Venezia ebbe inizio la sua illustre carriera.

Francesco Rotundi
Francesco Rotundi

Subito, ebbe modo di farsi notare: la nave “S. Giorgio” si incagliò nello stretto di Messina ed lui, in quel periodo imbarcato come Capitano del Genio Navale sul “Volturno”, organizzò il salvataggio della nave in maniera talmente efficiente da permetterle di raggiungere il bacino di carenaggio con i propri mezzi. Questo episodio, gli valse la convocazione nel “Comitato Progetti Navi”, progetto che abbandonò solo per un breve periodo, poiché gli fu assegnato il ruolo di vice-comandante del Cantiere di Castellammare di Stabia, dove era in costruzione la nave scuola “Cristoforo Colombo”, che egli stesso aveva progettato.

Tra le sue altre progettazioni, ricordiamo  la nave posamine “Legnano” ed un’altra nave scuola, la “Amerigo Vespucci”.

Fu grazie alle sue non comuni conoscenze tecniche e scientifiche che le quattro grandi corazzate “Cavour”, “Giulio Cesare”, “Andrea Doria” e “Caio Duilio”,subirono radicali trasformazioni, che le misero nelle condizioni di competere con le più moderne navi da guerra britanniche; inoltre, ebbe un ruolo importantissimo anche nella progettazione delle nuove corazzate, come quella “Vittorio Veneto”, che furono le prime unità di 35.000 tonnellate progettate nel mondo.

Tra le sue ultime imprese, la partecipazione al recupero di “Dulio”, una delle grandi navi affondate nell’ultimo conflitto: riuscì a portare a termine l’operazione in soli due mesi.

A causa di un morbo crudele, si spense a soli 60 anni, a Roma, il 25 ottobre 1945; l’anno successivo, le sue spoglie mortali furono traslate nella tomba di famiglia, nel Cimitero di Foggia.

A dieci anni dalla sua morte, nella villa comunale della nostra città, fu eretto un busto in suo onore.

 

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Ilaria Orzo

Classe 1992, laureata con 110 e lode presso la Facoltà di Scienze dell'Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale dell'Università degli Studi di Bari "A. Moro"; redattrice e revisionista per il portale d'informazione online Foggia.ZON, con esperienza pregressa nel settore bibliotecario

Check Also

L’ordine dei commercialisti foggiani cambia volto

Entra nella sua fase operativa il nuovo Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti …