DASPO urbano di 48 ore per tre stranieri: vietato frequentare il terminal bus

0
Il terminal bus

La Polizia municipale continuerà nei prossimi giorni ad effettuare controlli nell’area del terminal dedicato a Vincenzo Russo, riportando ordine e sicurezza

Nel corso dei servizi di pattugliamento presso la struttura del terminal intermodale, la Polizia Locale di Foggia ha rilevato, in due distinte operazioni svoltesi nei giorni scorsi, alcune infrazioni previste dall’art. 9 comma 2 del “Decreto Sicurezza”, ordinando per la prima volta l’allontanamento dei trasgressori (in applicazione del cosiddetto DASPO urbano). Nella prima occasione un uomo di nazionalità straniera è stato sorpreso in stato di ubriachezza e, quindi, conseguentemente sanzionato. Nella seconda due persone, sempre di nazionalità straniera, sono state colte nel compimento di atti contrari alla pubblica decenza, per questo alle stesse sono state contestate le relative violazioni. Oltre alle sanzioni amministrative pecuniarie nella misura prevista dalla legge, come detto, ai trasgressori è stato ordinato l’allontanamento dal luogo dell’infrazione con obbligo di non frequentare lo stesso per le successive 48 ore. I successivi controlli hanno avuto esito negativo.

E’ in fase di predisposizione la necessaria proposta di integrazione del Regolamento di Polizia Urbana che definirà le ulteriori aree, in aggiunta a stazioni, aeroporti e autostazioni del TPL, in relazione alle quali la normativa specifica potrà essere applicata (quali parchi pubblici e archeologici, aree adibite a verde pubblico, scuole, plessi universitari, luoghi di attrazione turistica, musei, monumenti).

Franco Landella

I controlli predisposti dall’Amministrazione comunale con l’ausilio di pattuglie della Polizia Locale, che colgo l’occasione per ringraziare per la preziosa attività svolta quotidianamente, nel quartiere Ferrovia sono stati estesi anche al terminal intermodale di piazzale Vincenzo Russo – spiega il sindaco di Foggia, Franco Landella -. Si tratta di servizi mirati aggiuntivi che rientrano appieno nell’ambito della cornice indicata dal ‘Decreto Sicurezza’ e che continueranno nei prossimi giorni per garantire decoro e sicurezza a tutti coloro che sostano nel piazzale del nodo intermodale in attesa dell’autobus”.