Dipartimento di Giurisprudenza: il nuovo direttore è la prof.ssa Curtotti

0

Docente ordinario di diritto processuale penale, la prof.ssa Curtotti resterà in carica fino al 2021.

La prof.ssa Donatella Curtotti (47 anni, originaria di San Severo, laureata in Giurisprudenza all’Università di Bari nel 1993, docente ordinario di Diritto processuale penale e attuale Delegata del Rettore alle Attività sportive) è la nuova direttrice del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Foggia. La proclamazione è avvenuta nel pomeriggio di oggi al termine dello spoglio delle schede che ne hanno sancito l’elezione, a cui ha concorso anche la prof.ssa Valeria Mastroiacovo (docente ordinario di Diritto tributario).

La prof.ssa Donatella Curtotti è stata eletta con 44 voti contro i 17 ottenuti invece dalla prof.ssa Valeria Mastroiacovo, 1 scheda bianca e 1 nulla: affluenza notevole, visto che su 73 aventi diritto al voto lo hanno esercitato in 63 (oltre l’86%). Resterà in carica fino al 2021, succede al prof. Aldo Ligustro (docente ordinario di Diritto internazionale, direttore del Dipartimento dal 2013 al 2017) ed è il primo “direttore donna” del Dipartimento di Giurisprudenza: un dato, quest’ultimo, che incrementa la presenza femminile nell’ambito della governance dell’Università di Foggia, già molto numerosa se si tiene conto delle 13 Delegate del Rettore (su 20 Delegati complessivi), della Prorettrice vicaria prof.ssa Milena Sinigaglia e del Direttore generale dott.ssa Teresa Romei.

«Sono felice e onorata di rappresentare il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Foggia per i prossimi quattro anni, raccogliendo il testimone dal prof. Aldo Ligustro, il cui equilibrio, buon senso e profondo spirito istituzionale spero di riuscire a emulare – ha dichiarato la prof.ssa Donatella Curtotti –. La gestione della vita di un Dipartimento universitario è un impegno difficile. Occorre fare in modo che i Docenti siano messi nelle migliori condizioni per fare ricerca; che gli Studenti acquisiscano competenze e conoscenze necessarie per affrontare il mondo del lavoro, ma che vivano anche serenamente un periodo irripetibile della loro esistenza; e che il personale Tecnico-Amministrativo trovi collaborazione per gestire l’elevata mole di oneri burocratici che, oggi, caratterizzano la vita delle Università. Siamo un Dipartimento all’avanguardia nella ricerca e nella didattica, in grado di affrontare le sfide che verranno. Da parte mia c’è forte entusiasmo per continuare in questa direzione. Ho sempre detto che l’Università è il posto più bello in cui lavorare. Lo spirito libero e curioso dei ricercatori e la passione degli studenti rendono le aule di un Dipartimento un luogo unico, quasi magico. E’ da qui che vorrei partire per contribuire, nel mio piccolo, alla sua magia».

Questo il saluto rivolto dall’ormai ex direttore del Dipartimento, prof. Aldo Ligustro, alla neo direttrice. «Rivogo le più vive congratulazioni e i miei auguri di buon lavoro alla prof.ssa Donatella Curtotti, nuova direttrice del mio Dipartimento – ha dichiarato il prof. Ligustro, che ricopre anche il ruolo di presidente della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia –. Sono certo che, nei prossimi quattro anni, saprà guidare tutti verso nuovi e importanti traguardi. Come direttore uscente, provvederò a coinvolgere da subito la collega nei compiti che restano ancora da svolgere durante l’ultimo mese del mio mandato, per garantire al meglio il “passaggio di consegne”».

Alla prof.ssa Donatella Curtotti sono giunti anche gli auguri del Rettore dell’Università di Foggia, prof. Maurizio Ricci, che a nome della Comunità accademica si è congratulato «con la neo direttrice e con l’altra candidata, la prof.ssa Valeria Mastroiacovo, per le proposte concretamente avanzate durante la campagna elettorale che ha preceduto il voto di quest’oggi. Colgo, inoltre, l’occasione per ringraziare per il lavoro svolto il direttore uscente prof. Aldo Ligustro, segnatamente per la prova di equilibrio e saggezza offerta a beneficio di tutti, non di meno per il contributo alla crescita culturale e scientifica garantito a tutto il Dipartimento e soprattutto ai suoi studenti».