Ultime notizie
Home » Foggia Calcio » Fondi, stazione di Fondi: ultima fermata?
Fondi
Fondi

Fondi, stazione di Fondi: ultima fermata?

A Fondi per scrivere la storia. Rossoneri pronti a festeggiare con un’intera città

Fondi Foggia. Un punto per tornare a sognare. Un punto per la serie B, per scrivere un’altra pagina della storia dei rossoneri. L’ennesima, di sicuro la più bella negli ultimi vent’anni. Si torna a respirare aria di festa in una città ormai assopita, che non aspetta altro che tirare fuori dal frigo uno spumante invecchiato di due decenni. Tante, troppe le delusioni. Tanta la scaramanzia, lo scetticismo, la paura di non farcela.

Spesso abbiamo sognato ad occhi aperti. Altrettanto spesso ci hanno svegliato nel momento più bello. C’è una città che non vede l’ora di indossare il vestito migliore, quello delle occasioni speciali. Tante le bandiere impolverate, tanti i sorrisi pronti ad esplodere. Una squadra, una fede, il rosso e il nero.

Domenica potrebbe essere l’ultimo atto di questo spettacolo rossonero, un melodramma a tinte surreali che dura da 19 anni. C’è una piazza che non aspetta altro che essere riempita, di inghiottire in un abbraccio rossonero la sua gente. C’è una città che vuole svegliarsi con il sorriso domenica, che vuole festeggiare, che vuole lasciare a casa i problemi quotidiani.

L’ultimo atto (forse) prima di avere la matematica certezza di lasciare l’inferno della Lega Pro si chiama Fondi. In migliaia vorrebbero raggiungere la località laziale, ma il campo sportivo della società laziale ne potrà accogliere una minima parte. E allora tutti pronti ad attendere Stroppa e i suoi ragazzi qui a Foggia.

Domenica potrebbe entrare nella storia

Fondi

Domenica non si mangia, domenica si potrebbe festeggiare per una giornata intera ed oltre. Per Foggia, per il Foggia. Per quel piccolo gioiello che abbiamo tra le mani. Per essere orgogliosi di essere foggiani, per un sogno che mai come ora, mai come quest’anno, teniamo stretto con le unghia e con i denti. Un sogno che accarezza un’intera città, un’intera provincia.

Sui balconi svolazzano le prime bandiere rossonere, in barba alla scaramanzia, eterna compagna per questa stagione. I clacson sono pronti a strombazzare per la città, a svegliare i più scettici, a far innamorare chi fino ad ora è rimasto alla finestra. A rendere Foggia un posto meraviglioso. Per un giorno. Per tutto il tempo che ci meritiamo.

IO NON DIMENTICO

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Antonio Solimine

Antonio Solimine
Ciao, sono Antonio Solimine. Ho l’età giusta per poter votare al Senato e non capisco una benamata di matematica. Per questo, seppur con qualche dolore da travaglio, mi sono laureato in Consulente del Lavoro. Mi ha sempre affascinato il mondo della scrittura. Mi fingo giornalista ormai da qualche tempo. Odio gli schemi, l’ordine mentale e le cose metodiche, mi opprimono il cervello. Amo lo sport, tutto. Anche le arrampicate la domenica dei vecchietti della parrocchia vicino casa. Mi entusiasmo con un gelato e mi deprimo se finiscono i biscotti per la colazione. Mi piace fare il bagno: mi piace spalmare il kerakoll con la spatola e posare le piastrelle. Dare il silicone sui vetri mi fa sentire una bomba sexy. Vorrei avere un giorno una casa tutta mia, un cane, una gallina da compagnia e un commercialista. Odio dover bussare al citofono, mi inquietano. Al massimo suono e poi scappo: la voce di quello che mi risponde, che gracchia nell’altoparlante, mi mette una fifa boia. Ah, in tutto questo scrivo per alcune testate (più che altro mi hanno adottato) come Foggia ZON e ZON.IT. Gestisco un blog, "Sydailcaso", che amo definire "un'accozzaglia di roba senza nessun ordine preciso". Mi ritengo un buon chitarrista, ma in realtà so fare cinque/sei pezzi. E pretendo che gli amici, nonostante suoni sempre le stesse , mostrino stupore per il mio talento innato. Oltre questo non saprei che dirvi, se vi va ci vediamo in centro a Foggia, abito qui. Sarò lieto di raccontarvi cosa successe dalla caduta del primo dentino ad oggi in maniera più dettagliata Grazie per l’attenzione.

Check Also

Incontro con lo scrittore Maurizio de Giovanni

Il più importante e amato giallista italiano presenta il primo romanzo della sua nuova serie …