“Bisogna far ripartire la Consulta Femminile Comunale”, l’appello di Rosa Cicolella al sindaco



0

Rosa Cicolella, presidente della Commissione Pari Opportunità Regione Puglia, lancia un’appello al sindaco Landella. L’obiettivo è far ripartire la Consulta Femminile Comunale

Chiaro il messaggio di Rosa Cicolella, presidente della Commissione Pari Opportunità Regione Puglia, lanciato in un comunicato stampa e rivolto direttamente al sindaco di Foggia Franco Landella. 

Con l’intento di sottolineare l’importanza di un organismo fondamentale nell’ambito della parità di genere, Rosa Cicolella insiste sull’importanza di un lavoro svolto che ha bisogno di non essere trascurato.

consulta femminile
“Bisogna far ripartire la Consulta Femminile Comunale”, l’appello di Rosa Cicolella al sindaco

La tappa foggiana degli Stati generali delle Donne che ha visto la presenza di tante rappresentanti di realtà femminili ha registrato la totale assenza di presenze maschili istituzionali e non. – afferma Rosa Cicolella “La resistenza culturale maschile nella nostra società esiste ed insiste caparbiamente. Un’occasione persa per un importante confronto che ha confermato l’alto potenziale di temi e proposte in svariati campi da parte delle donne del nostro territorio. ” 
“A tal proposito è bene ricordare che il governo di questa città al lavoro ormai da quasi un anno, ad oggi sembra aver dimenticato un organismo vitale per l’esercizio della democrazia paritaria nella gestione del bene comune nella nostra città: la Consulta Femminile.scrive la presidente della CPO – Un autorevole consesso trasversale che ha visto impegnate donne delle istituzioni, delle associazioni, del sindacato, delle professioni, dell’imprenditoria. Il suo lavoro ad uno stadio iniziale, aveva già raggiunto alcuni obbiettivi e prometteva percorsi di genere significativi per la nostra città.”

“L’appello al sindaco Landella a far ripartire questo organismo paritario indispensabile nella casa comunale dando così continuità al lavoro svolto dalla consigliera Chinni che sento di ringraziare per il suo impegno nella nascita della Consulta. Sono pronti gli auguri per la successione che spero avvenga in tempi brevi. – conclude -” Non lasciamo morire i pochi luoghi di partecipazione e attività democratica”.

Leggi anche