Concorso Lirico “Andrea Chénier”: il vincitore è il coreano Kim Jungmin

0
Il baritono Kim Jungmin

Grande successo per la Serata di Gala del Concorso Lirico Internazionale “Andrea Chénier”, durante la quale si sono esibiti i vincitori

La Serata di Gala del Concorso Lirico Internazionale “Andrea Chénier” (giunto alla III edizione), tanto attesa dal pubblico foggiano, si è svolta mercoledì 28 marzo 2018 in un Teatro Giordano gremito di appassionati di musica colta e non solo, i quali nei giorni precedenti sono accorsi numerosissimi a ritirare gli inviti per assicurarsi un posto in sala (è stato registrato il sold out), ha decretato il successo di una manifestazione che negli anni a venire rappresenterà uno dei concorsi lirici internazionali più accreditati fra quelli esistenti non sono in Italia, bensì anche fra quelli esteri.

Il lavoro della giuria – composta da Gianni Tangucci (Coordinatore Accademia del Maggio Musicale Fiorentino), Federico Pupo (Direttore Organizzativo del Teatro di Trieste), Karen Stone (Direttore Artistico del Teatro di Magdeburg), Carmen Battiante (Direttore d’orchestra e Direttore Artistico della Fondazione Musicalia della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia) e Tonino Carai (Artist Manager Tcmanagement) –  chiamata a decretare i vincitori di questa 3° edizione non è stato semplice.

Il livello di preparazione tecnica e artistica di tutti i partecipanti – provenienti dall’Italia, dalla Cina, dalla Corea, dalla Colombia, dalla Svizzera, dalla Russia, dagli Stati Uniti e dalla Spagna – era altissimo. Il podio è stato raggiunto dal ventiseienne baritono coreano Kim Jungmin, che ha conquistato il premio più importante offerto dalla Fondazione MUSICALIA della Fondazione Monti Uniti di Foggia. Jungmin si è esibito nella celeberrima Chanson du toreador (Votre toast, je peux vous le rendre, ovvero l’aria di Escamillo) dalla Carmen di Bizet, ottenendo un’autentica standing ovation da parte del pubblico.

Al 2° Posto per il premio del Club Lions Foggia Arpi, un ex aequo: il soprano coreano Eunsong Lim ha vinto anche un mese di work-experience all’interno della programmazione del Teatro di Magdeburgo mentre il tenore colombiano Cesar Augusto Cortes si è aggiudicato l’invito del Teatro di Magdeburgo per sostenere un’audizione presso il medesimo teatro (nel caso l’esito dovesse risultare positivo, Cortes stipulerà un contratto relativo all’allestimento delle opere programmate all’interno della stagione lirica).

Vincitori, pianisti accompagnatori e organizzatori del Concorso
Al 3° posto della classifica per il premio del Club Soroptimist di Foggia nuovamente un premio ex- aequo: al soprano cinese Wenmeng Gu è stato aggiudicato anche il Premio Lions Umberto Giordano per la migliore esecuzione di un aria giordaniana, mentre il soprano napoletano Sabrina Sanza – la concorrente più giovane del concorso (ha solamente 22 anni!) – ha vinto, oltre al terzo premio, il Premio Speciale Young Singer del Club Inner Wheel di Foggia. Durante la Serata di Gala, Sabrina Sanza ha offerto una sbalorditiva esecuzione dell’aria di Gilda (Caro nome) dal Rigoletto di Giuseppe Verdi: pubblico letteralmente in delirio.
Veniamo agli altri vincitori. Il basso Vincenzo Santoro si è aggiudicato un’audizione per le attività artistiche della programmazione dell’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino e il baritono Patrizio La Placa  ha conquistato una masterclass di tre giorni presso la stessa accademia.
 
 Nel corso della Serata di Gala si sono esibite anche alcune allieve della scuola di danza “Spazio danza”di Lucia Fiore, le quali hanno interpretato variazioni e scene dal Don Quixote di Ludwig Minkus e dal Lago dei cigni di Piotr Ilich Cajkovskij.

 

L’evento è stato particolarmente apprezzato dal numerosissimo pubblico e si è concluso con un omaggio musicale dei vincitori di origine orientale, i quali hanno voluto regalare al pubblico un momento musicale particolarmente emozionante. I due giovani cantanti hanno intonato un canto religioso tradizionale della loro terra, suscitando un momento di commozione collettiva, auspicando pace e fratellanza fra i popoli.

Con la speranza di poter proseguire su questo percorso, il maestro Guerrieri e la prof.ssa Angelarosa Ricco – organizzatori del concorso –  auspicano per gli anni a venire il sostegno sempre più forte di questa città, che in questi giorni ha vissuto attraverso questa manifestazione una delle pagine più belle della cultura musicale del nostro territorio.