Convegno FICLU sui Diritti Umani al teatro Garibaldi di Lucera



0

I diritti umani al centro del convegno e del concorso nazionale di giovedì 26 maggio al Garibaldi di Lucera

Si è tenuto giovedì 26 maggio alle ore 10 il convegno nazionale sui diritti umani nell’ambito del concorso nazionale FICLU per i diritti umani 2016 nella splendida cornice del teatro G. Garibaldi di Lucera, bandito dal club per l’UNESCO di Lucera, guidato dall’architetto Carmine Altobelli e patrocinato dall’Università degli Studi di Foggia.

L’evento ha visto la partecipazione della prof.ssa Maria Paola Azzario Chiesa presidente FICLU, dei professori Lucia Maddalena, docente del Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi di Foggia e di Daniele Sebastiano Coduti docente del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Unifg, oltre alla presenza dell’assessore alle politiche culturali del comune di Lucera, dott.ssa Federica Triggiani.

Moderatore degli interventi è stato l’avvocato Pietro Agnusdei, vice presidente FICLU.

Il convegno ha visto l’alternarsi delle diverse prospettive sul tema dei diritti umani, analizzati dai relatori, leitmotiv dell’evento, dopo la lettura del preambolo dell’Atto Costitutivo dell’UNESCO.

L’ambiente e le risorse rinnovabili sono state al centro dell’intervento della pro.fssa Maddalena, intervenuta in veste di delegata del rettore dell’Unifg,  che ha affrontato i temi della globalizzazione e della digitalizzazione sociale in atto nel mondo, evidenziando l’impellenza di un loro monitoraggio. La questione giuridica sul tema è stata compiutamente discussa, invece, dal professor Coduti, che ha esposto brillantemente la materia dei diritti dell’uomo sulla base delle carte internazionali e degli articoli della Costituzione italiana.

A tracciare le linee portanti del discorso sulle tutele internazionali dell’uomo è stata la professoressa Maria Paola Azzario Chiesa che ha parlato di come l’UNESCO si prodighi per salvaguardare la cultura, oltre a evidenziare la necessaria educazione al senso di responsabilità del cittadino per tutelare la pace e l’istruzione degli uomini e delle donne del pianeta.

Il momento decisivo della giornata è stato quello della premiazione dei vincitori del concorso internazionale, che ha visto il simbolico dono di una matita ai giovani vincitori per poter continuare a scrivere nuove pagine di cultura e di pace.

 

Leggi anche