Dal Poerio all’Onu per simulare il lavoro dei diplomatici



0
Il console generale di Francia, Jean Paul Seytre, e Davide Russo

Uno studente del Liceo “Poerio” di Foggia, Davide Russo, parteciperà ad un progetto che lo porterà all’Onu, dove vestirà i panni dell’ambasciatore

Un alunno del Liceo “Carolina Poerio” di Foggia, Davide Russo (V EL), prenderà parte al progetto MILI (Mobilità Internazionale Lingua Inglese) e per una settimana simulerà il lavoro dei diplomatici all’interno del Palazzo di Vetro di New York, sede dell’Onu. Tale simulazione vedrà l’allievo dapprima impegnato a Roma nel Quartier generale di Consules dal 27 febbraio al 1 marzo e dal 5 marzo al 12 marzo a New York.

Davide Russo, pianista e socio del Leo Club “Umberto Giordano di Foggia”, è stato ritenuto idoneo in virtù della sua conoscenza della lingua inglese e perciò farà parte della delegazione di giovani rappresentanti provenienti dai paesi di tutto il mondo, che sarà impegnata nella simulazione dei negoziati delle Nazioni Unite.

Gli studenti, chiamati ad interpretare il ruolo degli ambasciatori ONU, si confronteranno con temi particolarmente rilevanti (disarmo e sicurezza internazionale, economia e finanza, cultura, parità dei sessi, riduzione della mortalità infantile, lotta all’HIV/AIDS, protezione ambientale, politiche estere) e, allo stesso tempo, si doteranno di skill specifici che accresceranno il loro livello di professionalizzazione e permetteranno un migliore inserimento nel mondo del lavoro.

Davide Russo

Una volta arrivati a New York, dove rimarranno una settimana, gli studenti saranno impegnati in sessioni di lavoro con colleghi provenienti da tutto il mondo. La formazione comprenderà l’apprendimento dell’arte della diplomazia, delle tecniche redazionali giuridiche, dello speech and public speaking e delle regole di procedura.

Ogni partecipante rappresenterà un paese differente e dovrà rispettare fedelmente il punto di vista della nazione assegnata, per ottenere l’approvazione dei documenti che favoriscono il paese assegnato e l’interesse collettivo.La simulazione implica la creazione di uno scenario reale o ipotetico all’interno del quale si svolge la negoziazione. Le simulazioni rappresentano uno strumento innovativo per acquisire conoscenze su diverse tematiche, per migliorare la capacità di comando e l’abilità di lavorare in gruppo, per rafforzare la capacità di negoziazione e acquisire una visione strategica e d’insieme per potersi meglio orientare sulle scelte future.

Leggi anche