Due casi di stalking e spaccio: arresti a Manfredonia



0
arresti carabinieri

Stalking e Spaccio: operazione portata a termine dai Carabinieri di Manfredonia

I carabinieri di Manfredonia hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare per stalking e spaccio di droga. Tratti in arresto il 35enne NASUTO Raffaele e GAMBUTO Matteo di 23 anni, tutti e due del posto. Per il primo l’accusa è di atti persecutori e lesioni personali nei confronti della ex compagna, che ha denunciato l’accaduto al comando dei carabinieri locale.

Il 35 enne, già noto alle forze dell’ordine per una prima denuncia proprio dell’ex compagna nel 2014, con la quale gli era stata comminata la misura di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima, il 13 giugno scorso, violando tale divieto, ha avvicinato l’ex compagna che rifiutando di intrattenere un colloquio con lui, l’aveva per prima strattonata e poi minacciata di portare via la loro bambina, continuando a seguirla nonostante l’intervento del padre della donna. L’autorità giudiziaria ha successivamente emesso nei confronti del 35enne la misura di custodia cautelare agli arresti domiciliari.

Il secondo arresto, invece, è stato comminato al 23enne Gambuto Matteo per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’arresto è avvenuto dopo accurate indagini da parte dei militari che, fingendosi commercianti di alcuni negozi vicini all’abitazione di Gambuto, hanno constatato come lo stesso vendesse sostanze stupefacenti proprio dalla sua abitazione, con la collaborazione di altre persone, peraltro minorenni.

Il 23enne, alla vista dei militari, faceva scivolare un pacchetto di sigarette sotto un auto parcheggiata. Recuperato tempestivamente dai carabinieri, al suo interno sono state trovate due stecche di hashish più altri quattro pezzi. Dalla perquisizione del domicilio del giovane sono stati rinvenuti altri otto involucri di hashish nascosti nel vano batteria di una playstation, un panetto della stessa sostanza, più marijuana e altro materiale utilizzato per il confezionamento degli stupefacenti.

Perquisiti anche i giovani ragazzi in compagnia del 23enne che ha consentito di avere la certezza della cessione avvenuta poco prima per 40 euro, come confermato dallo stesso Gambuto che è ora associato alla casa circondariale di Foggia, dove sconterà una pena di otto anni, determinata dopo patteggiamento da parte dello stesso.

Leggi anche