Ecco cosa succede a Foggia questa settimana



0
settimana

Cosa è successo questa settimana nella nostra città? Grandi nomi sono attesi nei teatri foggiani; arrestato un ispettore di polizia

IL MEGLIO

Questo 2018 foggiano promette grandi cose: almeno per quanto riguarda il piano culturale. Dopo il successo della rappresentazione di ‘Sei personaggi in cerca d’autore’ presso il Teatro Giordano, continua la carrellata di successi teatrali. Avete dato un’occhiata ai nomi che i teatri della nostra città ospiteranno? Se non lo avete ancora fatto, fatelo il prima possibile. Giancarlo Giannini, Daniel Pennac, Neri Marcoré e Claudio Bisio: questi sono solo alcuni, dei personaggi che calcheranno le scene della nostra città, di qui a un mese. I biglietti per questi interessanti spettacoli sono già quasi tutti terminati, ma, se siete interessati, qualche posto disponibile ancora c’è!

IL PEGGIO

Passiamo ora, invece, a quello che è stato il peggio della settimana nella nostra città. Senza ombra di dubbio, la notizia che ha creato più scalpore è stata l’arresto di Domenico Tateo, ispettore di Polizia in servizio presso la Squadra Volanti della Questura di Foggia.

Tateo è accusato di aver chiesto somme di denaro a persone che alloggiavano in immobili del Comune di Foggia, promettendo in cambio una forma di “protezione”. L’accusa, per lui, è di concussione. L’Ispettore di Polizia si trova attualmente agli resti domiciliari. Le indagini sono state condotte dalla Guardia di Finanza di Lucera e della Squadra Mobile di Foggia. Sicuramente la più brutta pagina di cronaca di questa settimana, che getta fango sul corpo di Polizia.

Chiaramente, la nostra opinione, è che il tutto non va generalizzato, come si è soliti fare. E che solo il prosieguo delle indagini stabilirà la colpevolezza del poliziotto. Di certo, ci associamo al pensiero comune che, determinate cose, dovrebbero non accadere mai.

Soprattutto se si parla di uomini delle forze dell’ordine, il cui compito è assicurare la giustizia. Non aggirarla.

 

 

 

 

 

Articolo a cura di

Ilaria Orzo

Antonio Solimine

 

Leggi anche