FOGGIA CALCIO: DA SALERNO IL “DONO” DI NATALE?

0
REGGIO CALABRIA, ITALY - NOVEMBER 30: Giovanni Stroppa head coach of Spezia during the Serie B match between Reggina Calcio and AC Speziao at Stadio Oreste Granillo on November 30, 2013 in Reggio Calabria, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Foggia ancora senza Mazzeo nella tana dei campani

In attesa dei rinforzi, il Foggia si prepara a vivere gli ultimi 180 minuti del girone d’andata. Si comincia a Salerno, poi si chiude allo Zaccheria con il Frosinone. Stroppa dovrà fare ancora di necessità virtù sopratutto in prima linea dove l’auspicato recupero di bomber Mazzeo non c’è stato.

Queste le parole , intanto, le parole dell’allenatore rossonero rossonero: alla vigilia di Salernitana-Foggia: “Di sicuro la reazione avuta contro il Venezia è quella che mi porto dentro, è una fotografia diversa da quella delle ultime partite, la squadra ci ha creduto e ha avuto una reazione eccellente, con quel carattere che ci contraddistingue. Non abbiamo mai tirato i remi in barca e il gol di Beretta ha dato quella forza, quel coraggio di crederci.

REGGIO CALABRIA, ITALY – NOVEMBER 30: Giovanni Stroppa head coach of Spezia during the Serie B match between Reggina Calcio and AC Speziao at Stadio Oreste Granillo on November 30, 2013 in Reggio Calabria, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

A volte queste particolari partite sporche ti permettono di portare a casa il risultato. Alla gara di Salerno ci arriviamo bene, la squadra ha lavorato benissimo in settimana, Camporese è recuperato mentre Mazzeo, Nicastro, Guarna ed Empereur sono ancora fuori. Dobbiamo mettere in campo il temperamento e solo così andrà bene. La Salernitana è una squadra difficile da affrontare, ha anche cambiato allenatore, ma noi siamo pronti a dare battaglia. A Chiavari loro hanno giocato con il 4-2-3-1 ma non so se anche contro di noi useranno lo stesso modulo, anche perchè a centrocampo hanno qualche problema a livello numerico. Nelle gare casalinghe hanno una marcia in più per via del pubblico ma noi sapremo trovare le contromisure. Il fatto che siano imbattuti in casa è una delle difficoltà di questa gara, ma le difficoltà ci sono a prescindere, per noi è una questione di continuità. Ad esempio, prima di oggi non avevamo mai subito tre sconfitte consecutive e quindi il 2-2 col Venezia ha una valenza molto importante in tal senso, quindi bisogna ripartire da quegli ultimi dieci minuti che, per certi versi, sono stati esaltanti. Se giocheremo con il 4-3-3? Non so ancora, ma non è il modulo che fa la differenza.
La contestazione nei miei confronti? Il mio stato d´animo è buono, ci ero rimasto male, non credo di meritare questo, credo che si tratti piuttosto di qualcuno che è corrotto a livello di sentimenti personali, e non penso che un paio di persone al megafono possano influenzare l´intera tifoseria.
Mercato? Non so cosa succederà, mi dispiace che Pelizzoli non abbia mai trovato continuità per via del suo problema al tendine d´Achille, e quindi abbiamo deciso di comune accordo di andare verso la rescissione. I giocatori? Sarò sempre davanti a loro, è il mio ruolo e ne sono fiero, non devono giocare per me ma per loro stessi. Ci mettono sempre il massimo impegno e se una squadra reagisce come ha fatto contro il Venezia vuol dire che un po´ di impegno lo ha messo”.

Non ci sarà il pubblico delle grandi occasioni allo stadio “Arechi” di Salerno dove la Salernitana di Colantuono ed il Foggia di Stroppa si affronteranno nella sfida valida per la ventesima giornata del campionato Serie B. Secondo quanto riportato da tuttosalernitana.com, sale il numero dei biglietti venduti per la gara: al momento, gli ultimi dati forniti parlano di 3646 biglietti venduti di cui 123 acquistati dai supporters dauni.