Foggia ricorda le vittime della Seconda Guerra Mondiale con un Museo

0
Foggia ricorda le vittime della Seconda Guerra Mondiale con un Museo
Foggia ricorda le vittime della Seconda Guerra Mondiale con un Museo

Un Museo della memoria nel Pronao della Villa comunale: così Foggi ricorderà le sue vittime

Ferita indissolubilmente dalla Seconda Guerra Mondiale, a causa della sua posizione strategica per la logistica bellica, Foggia ricorderà quei tragici momenti con un Museo della memoria.

Foggia ricorda le vittime della Seconda Guerra Mondiale con un Museo
Foggia ricorda le vittime della Seconda Guerra Mondiale con un Museo

Pochi giorni fa, il “Comitato per un monumento a ricordo delle vittime del ’43” ha annunciato la decisione favorevole, da parte dell’amministrazione comunale, di concedere permanentemente al comitato un locale stante nel pronao della Villa Comunale (ex ATAF), per l’allestimento di un museo di cimeli bellici.

Un traguardo importante per la storia della città profondamente segnata e modificata dalla guerra, che affida alla memoria la sua rinascita. Un traguardo che arriva ad un anno di distanza dalle dichiarazioni del presidente Alberto Mangano che, il 21 luglio scorso, affidava a Facebook la critica all’inascoltata richiesta, da parte del comitato, di spazi adeguati per l’esposizione e si rifiutava di partecipare alle celebrazioni nonostante l’apertura ad una collaborazione con il comune, sempre con il medesimo intento.

Diverso l’atteggiamento di Mangano oggi che dichiara: “In una città distratta, a volte ripiegata su se stessa, che assurge alla ribalta solo per fatti di cronaca eclatanti ed odiosi come il furto di busti di bronzo nel più importante parco pubblico cittadino c’è ancora chi cerca di andare avanti comunque sentendosi parte integrante di una comunità cittadina che vuole reagire per non morire. Un esempio su tutti di questa volontà civile è rappresentato dal “Comitato per un Monumento a ricordo delle vittime del ’43 a Foggia.”

Conclude, poi, ringraziando il Comune che ha: ”Dimostrato sensibilità nel comprendere il nostro nobile intento e che contestualmente hanno voluto donare un angolo di storia proprio in quella villa, testimone della ferocia della guerra e del saccheggio dei giorni nostri.” Ed assicurando che: “nel giro di pochi mesi di provvedere…all’allestimento del Museo cercando di valorizzare al meglio quel locale per donare un briciolo di cultura unitamente ad un forte senso di appartenenza

A Foggia i musei, al contrario di quanto possa sembrare, non mancano e questo è fondamentale per la nostra storia.