Ma che fuggi da Foggia, questa città è una vecchia canzone che non scordi mai



0
fuggi da foggia
Foto Giuseppe Pipoli

Fuggi da foggia, ma questa città te la porterai sempre negli occhi, anche dall’altra parte della terra, perchè t’insegna a stare al mondo

Fuggi da foggia non per foggia ma per i foggiani, quante volte l’abbiamo sentito. Tante, troppe, una frase forte, d’effetto, ma vuota, priva di qualsiasi significato preciso, vuol dire tutto e non vuol dire nulla.

Ma quale fuggi da foggia!. Questa citta te la porti dentro per sempre, queste strade, queste tradizioni, le sensazioni che solo alcuni tuoi concittadini sanno darti, alla fine non le dimenticherai mai. Questa cittá ti segna profondamente, in positivo o in negativo, ti insegna a stare al mondo anche quando sei dall’altra parte della terra, lontano fisicamente, ma con il cuore qui. Ti insegna a saperti adattare verso tutti, perche un foggiano nel bene o nel

fuggi da foggia
Foto Giuseppe Pipoli

male lo riconosci, sempre, impossibile sbagliare.

Ma che fuggi da foggia! Se tutti avessimo delle opportunità qui, nessuno ci scapparebbe da questa terra, quando siamo costretti ad emigrare, ad andare via, perche molte volte qui il futuro ci viene negato, un pezzo di cuore resta qui. Resta qui perche lo ritrovi negli occhi di chi è emigrato, ma quando torna qui per le feste, per delle ricorrenze capisci da quegli occhi emozionati che queste strade, queste origini, queste sensazioni non le ha mai dimenticate. Forse non lo fará mai.

Ma se te le avessero concesse qui le stesse opportunità, forse non saresti mai andato via

Come un vecchio amore che ti ha segnato, una vecchia canzone che ti ripiomba in testa ed un sorriso o una lacrima te la tira fuori, un vecchio giocattolo che torni sempre a riprendere, una birra con un vecchio amico sempre in grado di capirti.

Ma che fuggi da foggia. Questa citta ci fa salire la rabbia, spesso, quasi tutti i giorni. L’impegno di un onesto cittadino che spesso non viene premiato ed è costretto ad andar via. La sicurezza che spesso latita, quelli che non fanno il proprio lavoro e che ti costringono a rivedere i tuoi progetti sempre, e perche no aggiungiamoci anche i playoff persi. O ancor peggio quando qualche nostro concittadino decide di insultare, criticare, ma senza mai muovere un dito per cambiare qualcosa. Ma la rabbia sparisce, o forse aumenta quando ti accorgi se qui ti avessero concesso le opportunitá che ti concedono altrove, da questa terra non saresti mai scappato.

Leggi anche