Giornata mondiale dell’autismo: la testimonianza di foggia.zon



0
Foggia in blu per l'autismo.

Ieri, a Foggia, le iniziative organizzate dall’associazione IFun per la giornata mondiale dell’autismo. La testimonianza di chi ha potuto parteciparvi come volontario

“Mentre tu hai una cosa, essa può esserti tolta. Ma quando tu dai, ecco, l’hai data. Nessun ladro te la può rubare. E allora è tua per sempre”: così James Joyce dava la sua definizione di “volontariato”, una delle azioni più belle che un essere umano possa compiere. Porgere la mano al prossimo, donare un sorriso senza chiedere nulla in cambio… queste sono belle parole, frasi standard che chiunque può dire. Ma tra il dire e il fare vi è un abisso, così come i commenti di chi fa volontariato non possono essere pienamente interpretati fino a quando non ci si imbatte in questa esperienza in prima persona. 

Da quando ierigiornata mondiale della consapevolezza dell’autismo, ho esercitato

Anche a Foggia la fontana si tinge di blu, per la giornata della consapevolezza dell'autismo
Anche a Foggia la fontana si tinge di blu, per la giornata della consapevolezza dell’autismo

volontariato grazie all’associazione IFun, sono una persona diversa. Ieri sera, mentre imboccavo la strada verso casa, sentivo dentro di me crescere un sentimento nuovo, un qualcosa che non avevo mai provato prima. Giocare con quei bambini è stato divertente e al tempo stesso emozionante.

Durante le ore di volontariato non mi rendevo conto di quanto tutto ciò, nel giro di qualche ora, mi avrebbe cambiato l’esistenza. Credo di aver fatto un passo, anche se piccolo, verso la visione di vita di bambini semplicemente più speciali di altri. Chi stabilisce quale sia la vera realtà dei fatti, in fondo? Cosa ci costa entrare nel loro mondo, anziché pretendere da loro di attenersi al nostro? Ogni loro singola azione è determinata da una loro esigenza, così come accade a noi. La sola differenza sta nel fatto che le suddette esigenze hanno natura diversa. Noi adoriamo gli abbracci, loro no. Ma siamo davvero certi che c’è bisogno di un abbraccio per un donare affetto agli altri? Siamo davvero così egoisti da pensare che la parola sia l’unico mezzo comunicativo possibile? Tutto è relativo, e dopo millenni di storia avremmo già dovuto capirlo.

Un loro sorriso vale quanto i nostri sentimenti sbandierati al mondo, la loro felicità quanto il nostro senso della vita. Quanto ci costa porgere una mano per permettere loro un cammino sereno? Fare volontariato vuol dire anche aiutare indirettamente i genitori, i veri supereroi della situazione. Un pomeriggio di divertimento per i loro bambini è per loro una vittoria inaspettata, faticata ed inestimabile. Vedere i genitori estasiati mi ha sconvolto, mi ha reso orgoglioso di ciò che stavo facendo e, soprattutto, felice di donare amore. Non perdete quest’opportunità nella vita, lo suggerisco col cuore in mano ed una sensibilità del tutto nuova.

Non posso fare altro che concludere con una celebre frase di Albert Einstein, semplice ma pregna di una moltitudine di significati: ” Il valore di un uomo dovrebbe essere misurato in base a quanto dà e non in base a quanto è in grado di ricevere.” Sappiate dare valore alla vostra vita, perché solo un uomo colmo di esperienze come queste potrà, in maniera definitiva, definirsi tale.

Leggi anche