Intervista ad Antonio Natale #eccellenzefoggiane



0
opera di Antonio Natale
opera di Antonio Natale

Antonio Natale, artista foggiano che ora lavora a Ginevra, racconta a Foggia.zon la sua formazione, il suo mestiere e la sua immensa passione per l’arte

 Come definiresti il tuo lavoro?

Come un insieme di energie che mi mettono in perenne contatto con la realtà che mi circonda, ciò che mi spinge ad interagire con la vita quotidiana.

Antonio Natale (a sinistra)
Antonio Natale (a sinistra)

p.s. il termine lavoro deriva dal latino “labor” con il significato di “fatica“… Quindi, personalmente, non definirei lavoro l’atto creativo di un artista.

 Cosa ti ha portato ad esprimerti attraverso l’arte?

La necessità di comunicare con il mondo non avendo ancora imparato a farlo con la scrittura. Avevo pochi anni.

 Qual è stata la tua formazione?

Liceo artistico e Accademia delle Belle Arti di Roma. Ma la vera formazione l’ho avuta sul campo,  viaggiando e raccogliendo esperienze umane importantissime per la mia formazione artistica. Fondamentale è stato un lungo periodo nel Nord Europa.

 Quanto ti ha dato Foggia per il percorso della tua formazione?

Domanda di riserva? Scherzi a parte, Foggia mi ha visto solo nascere e muovere i primi passi nella grafica pubblicitaria fino ai miei 18 anni. Poi è arrivata Roma, l’Europa etc… ma parlerei più della provincia di Foggia, la sua splendida provincia. Ecco, lei mi ha dato molto in paesaggi, colori, odori, suoni… Tutte cose fondamentali per un artista in erba con la voglia di crescere artisticamente.

 Lavoro e arte in che modo possono coincidere?FB_IMG_1458052189768

Non possono coincidere. Essere artista è una scelta di vita, che non si può vivere al 50%.

 Che cosa ti ha spinto ad andare a Ginevra?

L’essere apprezzato per quello che sono. Prima di Ginevra ci sono state Parigi, New York,  Istanbul, dove ho trovato terreno fertile per la mia creatività. Ma la Svizzera è la mia Patria adottiva da molti anni.  E ora a Ginevra ho il mio quartier generale, un piccolo Museo con le mie opere in permanenza e l’ufficio della mia agente artistica, Christine Ruiz-Kerendi.

Per i curiosi: www.antonionataleartist.com

Leggi anche