La Fondazione BdM restaura il dipinto di Santa Chiara



0
Il dipinto di Santa Chiara

La Fondazione Banca del Monte di Foggia finanzierà il restauro del quadro raffigurante Santa Chiara, dipinto nel ‘700 e attribuito alla scuola del Solimena

L’intervento, deliberato nell’ultima seduta del Consiglio di Amministrazione della Fondazione, sarà realizzato avvalendosi del pacchetto di norme noto come Art bonus, il decreto entrato in vigore nel luglio del 2014 contenente nuove misure in materia di tutela del patrimonio culturale, sviluppo della cultura e rilancio del turismo.

Dettaglio del volto di Santa Chiara
Dettaglio del volto di Santa Chiara

La tela di Santa Chiara (m 2,78 x m 1,55, per complessivi mq 4,30), il cui restauro è stato affidato a Loredana Mastromartino, è conservata nel Museo Civico fin dalla riapertura dopo la seconda guerra mondiale. In questa pregevole opera la Santa è rappresentata tra gli angeli con un ostensorio nella mano destra e, in primo piano, con un angelo di maggiori dimensioni inginocchiato in preghiera, mentre sullo sfondo si intravedono architetture classiche con panneggi.

Attribuito ad un allievo dell’Abate Ciccio, soprannome di quel Francesco Solimena che fu artista di spicco e caposcuola del tardo barocco napoletano a cavallo tra il XVII ed il XVIII secolo, molto probabilmente realizzato per la Chiesa di Santa Chiara (oggi Auditorium), il dipinto attende da anni di essere recuperato, come è risultato evidente dall’indagine effettuata sull’opera che ha certificato l’assenza di tracce di importanti interventi precedenti. Il restauro della tela, infatti, interesserà il centinato, particolarmente lacerato, il telaio, che andrà sostituito e rifoderato, e si concluderà con una robusta quanto indispensabile operazione di stuccatura e pulizia.

Dopo i recenti restauri della cosiddetta “Croce di Carlo V” e del “Planisfero” di Giuseppe Rosati, la Fondazione Banca del Monte interviene ancora una volta in sostegno di un’importante istituzione cittadina, il Museo Civico di Foggia, per salvaguardare e valorizzare i simboli della cultura e dell’arte locali.

Leggi anche