“La proposta”, il nuovo corto di Pino Bruno



0

Foggia.Zon incontra Pino Bruno, prossimo alla realizzazione di un nuovo cortometraggio. Sergio D’Offizi e Antonio Salines le grandi presenze ne “La Proposta

Foggia.Zon ha incontrato Pino Bruno, uno dei grandi nomi del panorama artistico-culturale del nostro territorio. Fautore e organizzatore dell’oramai rinomato Foggia Film Festival e sempre attivo con La Bottega dell’Attore del Teatro Studio Dauno, è ora impegnato per la realizzazione di un nuovo cortometraggio. Ci ha qui raccontato “La Proposta”, parlando anche di se, della nostra terra e delle grandi passioni che può ospitare.

-Ti accingi alla realizzazione di un nuovo progetto cinematografico, il corto “La Proposta”, un titolo che già incuriosisce. Qualche anticipazione sulla trama?

La sceneggiatura, scritta a quattro mani con Sergio D’Offizi, si ispira a una storia realmente accaduta. Narra la vicenda di un truccatore del cinema disoccupato, alle prese con una proposta di lavoro da parte di una produzione. Alla fine, lui e gli altri lavoratori, scopriranno di essere stati truffato. Tra i protagonisti l’attore e regista Antonio Salines.

-Ancora una volta scegli Foggia e la sua provincia come assoluta protagonista per le ambientazioni.  Un segno di amore verso la tua terra o semplice necessità tecnica?

Sono e siamo legati a questa territorio e immancabilmente il cinema diventa un mezzo straordinario per promuoverlo. Nel primo cortometraggio che ho girato, ‘Chiara & Marco’ , premiato con menzione speciale della giuria al 61° Festival del Cinema di Salerno nel 2007, le location interessate sono state Herdonia, Ascoli Satriano, Mattinata e Foggia. Nel secondo, ‘Il Bacio espanso’ , presso Il Museo Civico di San Severo, nei luoghi sacri del Gargano, Orta Nova e naturalmente Foggia.

-In questo nuovo lavoro ti avvarrai di Sergio D’offizi, un grande nome del cinema italiano, per quanto riguarda la direzione della fotografia. Come nasce questa importante collaborazione e che effetto ti farà lavorare con un professionista di questo calibro?

Gratificazione e allo stesso tempo senso di responsabilità. Conobbi Sergio D’Offizi nel corso di un workshop a Cine Città 3 e tra noi nacque subito una grande sintonia, poi consolidatasi in amicizia sincera.  Le esperienze come attore nei films: ‘Il Grande sogno’ con Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca, Luca Argentero e ‘Vallanzasca’ con Kim Rossi Stuart, Valeria Solarino, sono serviti anche a comprender alcuni segreti che conducono alla creazione di un film; spero di metterli in pratica nel miglior modo possibile.

-Tra le altre cose, una delle tue annuali attività più importanti è quella del Foggia Film Festival che, ogni stagione, si rivela un successo. Per il prossimo appuntamento della kermesse, cosa bolle in pentola?

Il Festival si realizza in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Foggia e Università degli Studi di Foggia, si terrà dal 14 al 21 novembre 2015 presso l’Auditorium Santa Chiara e per gli eventi speciali presso il Teatro Umberto Giordano. Sergio Rubini sarà il Presidente delle giurie. Stiamo lavorando al programma, in cui saranno confermate anche quest’anno le ‘Lezioni di Cinema’, laboratorio e rassegna d’arte cinematografica, nel cui àmbito si terranno seminari, stage e workshop con attori, registi e sceneggiatori. Pertanto, a Foggia ospiteremo attori e regista di fama nazionale e internazionale; Riccardo Scamarcio potrebbe essere uno di questi. Tuttavia, la mission del Foggia Film Festival è quella di promuovere il linguaggio audiovisivo del cinema italiano, favorire la conoscenza di nuovi autori, la circolazione del documentario italiano,  sostenere la visibilità delle opere sperimentali che non trovano adeguata distribuzione, con particolare attenzione alle cinematografie e tendenze artistiche emergenti; programmare iniziative rivolte alla formazione degli studenti e delle giovani generazioni, organizzando convegni, seminari di studio, laboratori, workshop e tutte le iniziative funzionali all’obiettivo.

-Il Teatro Studio Dauno, con la sua Bottega dell’Attore, promuove da oramai più di vent’anni laboratori teatrali e esperimenti culturali di vasta portata. E’, la sua, una continua attività a servizio del buon teatro e della crescita di chi di questa passione vorrebbe farne lavoro. Quali sono gli altri progetti in cantiere?

"La proposta", il nuovo corto di Pino Bruno
“La proposta”, il nuovo corto di Pino Bruno

La mission della nostra associazione, fondata il 4 luglio 1991, è quella di promuovere e diffondere la cultura del teatro, del cinema, della musica e dell’espressività corporea, attraverso l’organizzazione di manifestazioni di elevato livello artistico, quali corsi, stage, conferenze, seminari, festival e rassegne; manifestazioni a tutela del patrimonio storico artistico, di solidarietà e beneficenza; pubblicazioni di libri e audiovisivi in rapporto con enti, associazioni fondazioni e organismi pubblici e privati. Nei prossimi anni proseguiremo su questa strada, sperando di regalare offerte culturali utili al territorio.

In cantiere la tournée teatrale estiva con la fortunata pièce ‘Coppia aperta quasi spalancata’ di Dario Fo e Franca Rame, interpreti Maurizia Pavarini, Roberto Vicario e il sottoscritto. Prossimo appuntamento il 13 agosto 2015 a Termoli, Anfiteatro Difesa Grande, ambito manifestazioni estive organizzate dalla Città di Termoli e Regione Molise.

 

Leggi anche