Lucera ricorda le vittime della Shoah



0
Shoah

Folto il programma degli eventi organizzati a Lucera in occasione della Giornata della memoria per ricordare le vittime della Shoah

Shoah: ricordare forse non  sarà mai abbastanza. Troppo dolore, troppa crudeltà non possono essere cancellati. Sembra quasi innaturale aver memoria di qualcosa che non si è vissuto, ma  è  proprio nella singolarità di questo ricordo che  si cela  quell’immobile incapacità di credere che tanta ferocia sia mai esistita. Ed ecco che la memoria ci soccorre. Testimonianze e riflessioni ci permettono, nonostante il tempo, di non smarrire quello che, forse, è stato il più grande monito della storia.

Anche Lucera sposa l’anelito del ricordo. Il programma previsto per il 27 Gennaio è fitto di appuntamenti, la cui organizzazione è stata possibile grazie alla cooperazione di tutti coloro che ne hanno voluto far parte. Fautori della giornata sono Kublai-Libri  Cibi e incontri, Il sasso nello stagno-

Shoah
Locandina  evento tratta dalla pagina Facebook Ufficiale di #Théke-portrait 07 Memento

Libreria per bambini e ragazzi e Théke.

Nel corso della mattinata le due librerie proporranno percorsi di lettura tematici rivolti al rispettivo pubblico. Le scuole primarie saranno accolte presso Il sasso nello stagno, mentre la libreria Kublai presenterà una lettura meditata del noto classico di Primo Levi “Se questo è un uomo” agli alunni del Liceo Classico e Scientifico “Bonghi”.

L’itinerario letterario proseguirà nel pomeriggio con le letture dedicate ai bambini dai sei anni di età alle ore 18:00 presso la libreria Il sasso nello stagno. Alle ore 19:30 le note di Mario Rucci saranno la cornice musicale delle proposte pensate per gli adulti dalla libreria Kublai in collaborazione con l’associazione Mediterraneo è Cultura.

In chiusura, #Théke (Fuoriprogramma Arts) coordinerà un flash mob concepito per la Giornata della memoria al quale sono tutti invitati a partecipare portando con sé un foglio formato A4 con la stampa di una lettera dell’alfabeto dipinta.

Tante iniziative per una sola voce: quella della memoria. Per non dimenticare, mai.

Leggi anche