Galleria Monte Saraceno: polemiche e disagi



0

Il tormentone dell’estate garganica non è una canzone, ma la questione galleria Monte Saraceno

Aperta. Chiusa. Aperta. Chiusa. Aperta a fasi alterne.

Stiamo parlando della galleria Monte Saraceno, l’oggetto di grande discussione del momento.

La prima voce arrivata è stata quella di totale chiusura della stessa: subito, commercianti, esponenti politici e cittadini garganici hanno fatto sentire la loro voce.

Tramite un sit-in di protesta, alla fine di maggio, è stato espresso il malcontento rispetto a questa decisione, che avrebbe senza ombra di dubbio creato grandi disagi, soprattutto dal punto di vista economico, mettendo a rischio l’afflusso di gente.

Ma, a seguito delle proteste, l’Anas ha fatto luce sulla situazione e ha chiarito la sua posizione: i lavori di adeguamento degli impianti tecnologici della galleria proseguiranno fino a marzo 2019, ma cercheranno di non impedire totalmente la viabilità. Pertanto, la galleria resterà aperta ogni giorno dalle 7.30 alle 19.30 e le intere giornate di sabato e domenica, per tutto il mese di luglio e per tutto il mese di agosto.

Fino alla fine di giugno e poi di nuovo dalla prima settimana di settembre, invece, la galleria sarà chiusa e inagibile h24.

Questa soluzione dovrebbe essere quella più giusta per calmare le acque e venire incontro ai commercianti, senza però bloccare totalmente i lavori.

Una domanda sorge però spontanea: perché non avviare i lavori già dallo scorso inverno, in modo tale da terminarli prima dell’inizio della stagione turistica?

Leggi anche