Notte dei Musei: apertura straordinaria del Parco Archeologico di Siponto



0

Questa sera, dalle 20 alle 23, il Parco Archeologico di Siponto rimarrà aperto in occasione della Notte dei Musei, giunta alla dodicesima edizione

Sabato 21 maggio si terrà la Notte Europea dei Musei: l’iniziativa, giunta alla dodicesima edizione, è posta sotto il patrocinio del Consiglio d’Europa, dell’Unesco e dell’ICOM e, al fine di valorizzare l’Identità culturale europea, si colloca tradizionalmente a ridosso dell’International museum day, evento annuale promosso dall’ICOM fin dal 1977 e rivolto alla valorizzazione dei Musei e del Patrimonio culturale. Alla prece

dente edizione hanno aderito oltre 3000 musei distribuiti in 30 nazioni europee. Per l’occasione, come da tradizione, è stata prevista una apertura straordinaria di tre ore, oltre il consueto orario, al prezzo simbolico

La basilica sipontina di Santa Maria Maggiore
La basilica sipontina di Santa Maria Maggiore

di 1,00 euro, salvo le gratuità previste per legge.

 

Per celebrare la Notte dei Musei, gli Istituti aderenti all’iniziativa integreranno il tradizionale percorso di visita con l’apporto di tutte le arti (teatro, musica, letteratura, cinema ecc.), in modo tale da dare ulteriore sostanza alla definizione di “Museo” anche come luogo di “diletto” data da ICOM e puntualmente recepita nell’art. 1 del “Decreto Musei” del 23/12/2014:

“Il museo è una istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo.

La cripta della basilica di Siponto
La cripta della basilica di Siponto

È aperto al pubblico e compie ricerche che riguardano le testimonianze materiali e immateriali dell’umanità e del suo ambiente; le acquisisce, le conserva, le comunica e le espone a fini di studio, educazione e diletto, promuovendone la conoscenza presso il pubblico e la comunità scientifica.”

 

In provincia di Foggia sarà possibile visitare il Parco Archeologico di Siponto, che resterà aperto dalle 20 alle 23: i magnifici resti della basilica paleocristiana a tre navate, edificata tra la fine dell’XI e gli inizi del XII secolo, e l’installazione di Edoardo Tresoldi, una struttura in rete metallica che ridisegna i volumi originari dell’antica basilica, incanteranno anche di sera.

 

Leggi anche