Parcocittà diventa la factory di Andy Warhol con “Pop alternative”

0
Parcocittà diventa la factory di Andy Warhol con
Parcocittà diventa la factory di Andy Warhol con "Pop alternative"

Musica, teatro, danza e arte, si fondono per cinque giorni a Parcocittà

Parcocittà si conferma centro irradiatore di innovatività con l’evento “Pop alternative”.

 

Da lunedì 2 luglio a venerdì 6 luglio, il centro polivalente offrirà una proposta artistica a 360 gradi grazie alla collaborazione con Creo a.p.s., l’associazione Cherry Factory, l’attore Dino La Cecilia del Piccolo Teatro e il ballerino e coreografo Roberto Procaccini.

Ad imitazione della Factory voluta da Andy Warhol (droghe a parte) le arti si incontreranno per confermare quanto già sta accadendo da ormai tre anni presso il centro polivalente situato nel cuore di Parco San Felice.

Seguendo il modus operandi della Factory, “Ogni giorno si faceva qualcosa di nuovo” dichiarava nel 2002 John Cale, si alterneranno performance musicali, teatrali e opening di danza tra le variopinte installazioni di artisti quali: Pietro Ricucci, Monica Lovati, Nelli Maffia, Rosy Daniello e Valentina Catano.

Il filo conduttore è la compenetrazione delle arti. Così, tra la famiglia di lumache dal titolo “Slow up” di Ricucci (che a termine dell’evento verranno donate a Parcocittà), la giocosa e fluorescente installazione di Nelli Maffia, il telo sagomato come un’orante Madre Terra di Rosy Daniello e la fiber art incentrata sul matriarcato dell’artista milanese Veronica Lovati; altre espressioni artistiche avranno vita grazie ad attori, musicisti ed un corpo di ballo, tutto al femminile, composto da 15 elementi.

Parcocittà continua, quindi, la sua opera di aggregazione e rivitalizzazione della città. Egregiamente aggiungeremmo.