Pino Zaccheria: moriva oggi, nel 1941, l’atleta a cui è dedicato lo stadio di Foggia

0
Pino Zaccheria: moriva oggi, nel 1941, l'atleta a cui è dedicato lo stadio di Foggia
Pino Zaccheria: moriva oggi, nel 1941, l'atleta a cui è dedicato lo stadio di Foggia

Il sottotenente Pino Zaccheria, caduto in combattimento a Tirana, era anche un pioniere del basket

Lo stadio che attualmente allieta tifosi di casa e ospiti, prende il nome dal sottotenente Pino Zaccheria.

Pino Zaccheria: moriva oggi, nel 1941, l'atleta a cui è dedicato lo stadio di Foggia
Pino Zaccheria: moriva oggi, nel 1941, l’atleta a cui è dedicato lo stadio di Foggia

Nato a Foggia il 20 novembre del 1901, cadde sul campo di battaglia a soli 40 anni, il 4 aprile del 1941. Cadde a Tirana partecipando alla campagna italiana in Grecia iniziata il 28 ottobre 1940.

Nel 1946, invece, gli venne dedicato lo Stadio Comunale di Foggia. La dedica deriva dall’impegno profuso da Zaccheria in ambito sportivo, e nello specifico nel basket.

Prima della dedica, il campo sportivo, prendeva il nome di “Stadio del Littorio” e, durante il ventennio fascista, vide spettacoli e giochi ispirati ai ludi degli antichi romani: i Ludi Juveniles.

Se durante il primo conflitto bellico a scala mondiale, poi, lo stadio venne usato come deposito per le truppe tedesche; durante il secondo conflitto mondiale, gestito dagli alleati che stavano risalendo la penisola, divenne teatro di spettacoli quali rodei alla texana e corse di asini.

Non solo, nel 1944, infatti, il campione mondiale di pesi massimi, Joe Louis, si scontrò con il foggiano Vincenzo Affatato.

Grazie alla fama, non sempre in senso positivo, dei nostri Satanelli, il nome del sottotenente Zaccheria, che amava il basket, risuona ancora oggi.