Profondo Rosso-Nero: Foggia “thriller” in 9 uomini pareggia 1 a 1 contro l’Ischia

0

Al gol di Sarno risponde Mancino per l’Ischia. Foggia ridotto in 9 per l’espulsione di Di Chiara ed Agostinone

Un pari che a questo punto sa di vittoria. Un Foggia ridotto in 9 uomini per l’espulsione di Di Chiara ed Agostinone porta a casa un pareggio contro l’Ischia che, questo è da dire, ha meglio interpretato la gara rispetto ai rossoneri. Ischia schierato da Bitetto con un 4-3-1-2 con gli ex Meduri, Mancino e Filosa chierati dal primo minuto. Foggia con il solito 4-3-3 con la sola novità Gerbo schierato dal primo minuto a differenza della scorsa gara.

La prima grande occasione è per gli isolani che hanno la grande opportunità di passare in vantaggio, con un rigore concesso dall’arbitro al 13′ per un intervento in ritardo di Loiacono su Kanoute, con Mancino che tenta però un cucchiaio che termina alto sulla traversa. Ed è il Foggia che dieci minuti dopo passa in vantaggio al 23′ con un gran gol di Sarno che di interno sinistro mette il pallone all’incrocio dei pali con portiere dell’Ischia battuto.

Profondo Rosso-Nero: Foggia "thriller" in 9 uomini pareggia 1 a 1 contro l'Ischia
Profondo Rosso-Nero: Foggia “thriller” in 9 uomini pareggia 1 a 1 contro l’Ischia

I padroni di casa non si arrendono e al 30′ tentano la sortita offensiva con Kanoutè che serve Orlando solo al centro che cicca clamorosamente con palla  che termina sui piedi di Izzillo che sciupa tutto. Il Foggia prova a gestire il risultato, ma al 38′ è Mancino che, lasciato solo dai difensori rossoneri al centro dell’area, batte Narciso con un tiro liftato. La prima frazione si conclude senza ulteriori sviluppi.

Ripresa che inizia senza sostituzione da parte dei due tecnici, ma al 10′ la gara cambia volto: Di Chiara, già ammonito, ingenuamente si lascia cadere in area di rigore dopo un presunto contrasto con un difensore isolano. Rossonero espulso e De Zerbi costretto a rivedere il suo schema tattico inserendo Agostinone al posto di Sarno.

Per il neoentrato la gara dura appena 11′: la prima ammonizione arriva per un fallo a centrocampo al 15′; al 22′ arriva il secondo, dopo un tocco di mano vistoso da parte del terzino foggiano ed arbitro che non esita a mandarlo anzitempo negli spogliatoi. De Zerbi nuovamente costretto ad effettuare una sostituzione, con Floriano richiamato per far posto a Bencivenga.

L’Ischia, ovviamente, continua ad attaccare per portare a casa i tre punti con Foggia chiuso nella propria metà campo. Al 40′ Iemmello lascia il campo a Viola, ma le cose non cambiano. La gara termina dopo 4 minuti di recupero, con un pareggio preziosissimo della squadra di De Zerbi che collezione il settimo risultato utile consecutivo.