Quarta tappa del Jazz on top Felix con Lanzoni e Wendel



0
Trio Alessandro Lanzoni e Ben Wendel al Jazz on top Felix
Trio Alessandro Lanzoni e Ben Wendel al Jazz on top Felix

Jazz on top felix alla sua quarta tappa con il trio di Lanzoni e la guest star Ben Wendel. Il pubblico sarà protagonista anche di un innovativo sistema di ascolto della musica dal vivo

 Venerdì 13 maggio, Jazz on top felix, dopo la parentesi dedicata alla millenaria tradizione musicale armena, torna al jazz puro con un trio di alta classe, quello di Alessandro Lanzoni accompagnato da un sassofonista di eccelsa qualità come Ben Wendel.
Il file rouge della rassegna ideata dal critico Alceste Ayroldi è far conoscere al pubblico foggiano il meglio del jazz italiano, quello premiato dalla più importante rivista jazz italiana e una delle più importanti in Europa, Musica Jazz. Anche Alessandro Lanzoni, infatti, è stato consacrato jazzista dell’anno dagli oltre sessanta esperti di Musica Jazz che gli hanno tributato il titolo di talento del 2013.

Trio Alessandro Lanzoni
Trio Alessandro Lanzoni

Alessandro Lanzoni è ormai fra gli artisti di maggiore personalità del jazz italiano, forte anche di un curriculum che, potendo già vantare esperienze di assoluto prestigio, da diversi anni lo ha imposto all’attenzione del mondo musicale. Egli può già vantare una significativa esperienza internazionale in Europa, America Latina, Israele e Stati Uniti, dove ha ricevuto recensioni lusinghiere e insolite per un musicista straniero (Ira Gitler, dopo averlo ascoltato in Piano Solo nel palazzo dell’ONU, nella sua colonna su Jazzimprov. NY ha  avuto modo di affermare, dall’alto dei suoi settant’anni di pura storia del jazz: “Non dovrebbe essere giudicato come un giovane musicista. E’ già eccezionale, e  rischia di diventarlo ancora di più”).

Il nuovo album in trio “Dark Flavour”, recentemente pubblicato dalla Cam Jazz, è stato accolto dalla critica come testimonianza di una crescita artistica che rende ormai del tutto fuori luogo quell’etichetta di “enfant prodige” che ha contrassegnato gli esordi di una carriera iniziata a soli 14 anni con l’affermazione al Premio Massimo Urbani (2006) e proseguita col Primo Premio al “Luca Flores” di Firenze (2008), fino all’assegnazione del premio “Best Young Soloist” al prestigioso concorso “Martial Solal” di Parigi (2010).

La sua formazione di musicista è frutto di un percorso intenso, sviluppato in due direzioni: gli studi “classici”, culminati col Diploma di Pianoforte conseguito nel 2012 col massimo dei voti, Lode e Menzione d’onore presso il Conservatorio Cherubini di Firenze sotto la guida di Giovanna Prestia, e l’approfondimento del linguaggio jazzistico: dalle prime lezioni con L. Pieri e M. Grossi alla frequenza dei corsi estivi di Siena Jazz e della Berklee di Boston come borsista delle Clinics  di Umbria Jazz, fino al Corso Biennale InJam, nell’ambito di Siena Jazz, grazie al quale ha potuto fruire degli insegnamenti di Maestri del calibro di Danilo Perez, Kenny Werner, Aaron Goldberg, Steve Kuhn, John Taylor, Franco D’Andrea, Stefano Battaglia, Danilo Rea. Inoltre, a testimoniare una non comune versatilità di musicista, lo studio del violoncello e della composizione , che si è concretizzato nella Laurea Specialistica in Composizione e Arrangiamento Jazz conseguita nel 2015 al Conservatorio di Firenze con 110/110 e Lode Accademica.

Ma Jazz on top felix non finirà di stupire il proprio attento e competente pubblico proponendo, anche un particolare sistema di ascolto.

Grazie alla collaborazione con Mastering.it audio labs (di Marco Maffei) daremo, infatti, la possibilità di vivere una nuova esperienza nella percezione della musica dal vivo, che pone gli ascoltatori virtualmente all’interno di una “sfera sonora”.

Tale tecnica multicanale (o “surround”), sempre più diffusa in Nord-Europa, colloca la città fra i pionieri di questo affascinante ambito tecnico ed artistico. Una proposta innovativa che si aggiunge al programma nuovo e vario di questa rassegna.

Il concerto si terrà il 13 maggio, con ingresso alle 20.30 per la consueta introduttiva chiacchierata con gli artisti ad opera del curatore della rassegna, il critico di Musica Jazz, Alceste Ayroldi.

Ticket: 12 euro; www.bookingshow; info: 3929892331

Leggi anche