Siponto: revocato il divieto di balneazione

0

Spavento per bagnanti e proprietari dei lidi, ma l’Arpa tranquillizza: il mare di Siponto è balneabile

Il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi, con un’ordinanza emanata il 1 agosto, aveva deliberato il divieto temporaneo di balneazione in un tratto del litorale di Siponto (comprendente il “Lido Capolinea sas”, il “Lido Infante”, il “Lido Aereonautica Militare”, il “Lido Esercito”, il  “Lido Rosciano Vincenza” e la spiaggia libera, in direzione sud).

La non balneabilità dei 927 metri di costa sipontina era dovuta dall’eccessiva presenza di un batterio – l’escherichia coli, che può causare infezioni ai genitali e dissenteria – rilevata il 20 luglio dalle analisi effettuate dall’Arpa (Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione dell’Ambiente). Il Comune di Manfredonia, tra l’altro, aveva assunto l’impegno di collocare specifici cartelli con la dicitura “Acque inquinate, divieto di balneazione temporanea”.

Il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi
Il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi

Il divieto, però, è durato solamente 24 ore. Il 2 agosto, infatti, il sindaco di Manfredonia ha immediatamente revocato l’ordinanza dato che nuove analisi, compiute dall’Arpa il 23 luglio ma comunicate solamente a poche ore di distanza dall’emanazione dell’ordinanza di divieto, hanno smentito le precedenti. I proprietari dei lidi sipontini e i bagnanti possono tirare un sospiro di sollievo: il mare di Siponto è balneabile.

Queste le parole del sindaco di Manfredonia: “Si può tornare normalmente a godere del sole e del mare, oltre che delle varie comodità offerte, nei lidi del litorale di Siponto che, sia permesso, se ci fosse stata una maggiore celerità nelle comunicazione del secondo campionamento, non avrebbero dovuto subire, per ventiquattr’ore, il disagio di non poter offrire acque balneabili. Ad ogni buon conto, tutto è bene quel che finisce bene. Allarme (e allarmismo dei soliti noti) rientrato. Buon mare a tutti”.