Spettacolo nel derby tra Cus basket Bari e Foggia

0

Vince il Cus Bari ma Foggia non perde di vista la serie D. La gara equilibrata non mette in discussione la promozione del Cus Foggia: se la giocherà nella prossima gara con la Virtus Foggia

I Cus Biancorossi subito in partita, decisi a dominare una gara che, per necessità di classifica, dovevano vincere con uno scarto di almeno 24 punti. Sugli spalti il pubblico non fa mancare il suo caloroso sostegno, ma il quintetto foggiano non sembra soffrirne più di tanto. Anzi, domina il secondo quarto trascinato da un ottimo Stefano Russo, entrato in modo perentorio e decisivo nel film della partita, segnando punti e recuperando palloni preziosi. Sfortuna ha però voluto che lo stesso Russo si fermasse, dopo pochi minuti, per infortunio. Una perdita grave arrivata nel momento migliore dei foggiani, capaci comunque di chiudere in vantaggio il primo periodo (37-42).

Nella ripresa la reazione barese è tanto veemente quanto efficace. Trascinati da uno stratosferico Luca Giuffrida i padroni di casa riprendono le redini del match e dopo un clamoroso testa a testa riescono a chiudere in parità il terzo quarto (58-58). Un pareggio che resiste fino alla fine dell’ultimo quarto, terminato con un pirotecnico 74-74.

Pubblico in estasi, squadre stremate ma pronte a giocarsi fino alla fine tutte le chance di vittoria. Una vittoria che finisce nelle mani del Cus Bari, con il Cus Foggia che esce dal campo con la netta sensazione di aver fornito l’ennesima straordinaria prova di forza al cospetto di rivali di assoluto valore.

[caption id="attachment_11314" align="alignright" width="259"]Cus Vince il Cus Bari ma Foggia non perde di vista la serie D. La gara equilibrata non mette in discussione la promozione del Cus Foggia: se la giocherà nella prossima gara con la Virtus Foggia.[/caption]

 

Queste le parole del coach Lamacchia del Cus Foggia a fine gara:“Si sono affrontate due ottime squadre, ricche di talento, tecnica e voglia di vincere. Tutto questo ha garantito uno spettacolo che ha soddisfatto non solo i tifosi ma anche tecnici e giocatori. Il Cus Bari ha una rosa di primo livello, impreziosita da elementi come il capitano Giuffrida, Maselli e da un bel gruppo di under. Noi abbiamo fatto la nostra partita, non abbiamo pensato a limitare i danni preferendo giocare una gara a viso aperto. Siamo mancati forse in termini di precisione e freddezza nei momenti decisivi, ma ancora una volta abbiamo confermato tutte le nostre qualità”. Alla vigilia dei playoff il coach Lamacchia si lasciò andare ad una profezia. “Mi augurai – ricorda – di arrivare all’ultima giornata con la possibilità di giocarmi qualcosa di importante. E in effetti sarà così. Sabato, in caso di vittoria nel derby con la Virtus Foggia, raggiungeremmo il Bari al primo posto e grazie alla nostra condizione favorevole negli scontri diretti potremmo festeggiare la promozione in Serie D. Manca ancora un ultimo ostacolo da superare e lavoreremo con tutte le nostre forze affinché questo sogno possa finalmente diventare realtà”.

Il Cus Foggia spera quindi di riuscire ad ambire alla meritata promozione anche per regalare alla nostra città un ulteriore spettacolo in più con il basket che conta.