Stanziati 1,6 milioni di euro per le biblioteche dell’Università di Foggia

0

Saranno acquistati libri ed ebook per le biblioteche dei dipartimenti dell’Unifg e l’ex palestra GIL ospiterà una nuova biblioteca

 

Nell’ambito del bando denominato SMARTin Puglia – Community Library, diffuso dalla Regione Puglia su proposta dell’assessorato all’Industria turistica e culturale retto dalla dott.ssa Loredana Capone, l’Università di Foggia si è classificata come miglior Ateneo pugliese. Il progetto O.A.S.I. (acronimo di Biblioteche Open Access e Sistemi Innovativi) dell’importo complessivo di 1.618.700,79 euro (di cui 80.671,00 di co-finanziamento) verrà interamente finanziato con significativi vantaggi per l’intera comunità, non solo quella accademica o studentesca.

Col progetto O.A.S.I., l’Università di Foggia realizzerà concretamente l’idea delle biblioteche vissute come “oasi, per l’appunto, informative e servizi innovativi nella città”. Punti di stazionamento, lettura, consultazione, approfondimento e conoscenza dell’Università di Foggia e del territorio su cui insiste. O.A.S.I. si articola in due linee di intervento, su strutture e servizi, riassumibili in questi passaggi: realizzazione di una nuova biblioteca con 116 posti lettura nell’ex palestra GIL di via Marina Mazzei (già via Galliani, uno dei molti edifici pubblici realizzati negli anni Venti nell’ambito di programmi di edilizia pubblica sociale), con relativo start-up dei servizi, arredo del giardino, musealizzazione di uno spazio interno alla sala lettura e allestimento di una saletta con attrezzature per utenti con disabilità visive (l’ex palestra GIL è attualmente oggetto di lavori realizzati con finanziamento a valere sul FSC 2007/2013 ex Delibera CIPE n. 78/2011 APQ “Ricerca ed edilizia universitaria”: termine dei lavori nel 2019); allestimento della biblioteca-giardino di via Fuiani; estensione all’aperto della biblioteca di Area Umanistica; all’allestimento di arredi che siano “user friendly” e adatti ad una “community library” aperta al territorio, con accessi e postazioni per professionisti, giovani lettori, studenti di altre istituzioni del territorio.

Inoltre, O.A.S.I. prevede la promozione del prestito digitale e della lettura degli ebook, la realizzazione di una segnaletica per mettere in evidenza strutture e servizi, delimitando chiaramente gli spazi e graficamente uniforme per l’identità visiva del sistema; l’acquisizione di un sistema che consenta, tramite la tecnologia della radiofrequenza, di automatizzare sia procedure rivolte all’utenza sia procedure d’ufficio; l’implementazione di servizi innovativi che, soprattutto tramite l’interfaccia utente user friendly, favoriranno una maggiore interazione con l’utenza, anche grazie a nuove funzionalità dell’App scaricabile gratuitamente, maggiormente interattiva e strumento di informazioni aggiornate in tempo reale; l’arricchimento del catalogo, i cui record bibliografici saranno incrementati con la catalogazione dei fondi, gli spogli e la scansione dei sommari: questo a beneficio di tutta la rete del polo SBN della provincia di Foggia, di cui le biblioteche dell’Ateneo sono parte integrante.

Strutturato e redatto dal gruppo di lavoro, composto dalla Responsabile unica di progetto dott.ssa Elisabetta Basile, dal delegato del Rettore al Sistema bibliotecario, prof. Sebastiano Valerio, dalla responsabile dell’Area biblioteche, dott.ssa Isabella Tammone, dal Responsabile unico dei lavori, ing. Ciro Fiore, coadiuvato dal progettista, arch. Gabriele Berardi, e dal prof. Antonio Netti, che ha collaborato alla redazione del piano economico-finanziario, O.A.S.I. è stato discusso e condiviso anche col Consiglio del sistema bibliotecario dell’Università di Foggia e approvato dagli organi collegiali centrali di Ateneo. «Il Consiglio degli Studenti – evidenzia la dott.ssa Isabella Tammoneha espresso preziosi pareri e suggerimenti in merito alla suddivisione e all’utilizzo degli spazi, suggerimenti che ci sono apparsi molto utili soprattutto perché gli studenti sono e restano gli utenti finali di interventi così importanti come quelli che intendiamo realizzare».

E’ stata data, inoltre, piena adesione al progetto anche da parte dell’Unione italiana ciechi, associazione con cui da tempo il Sistema bibliotecario UniFg collabora attraverso una serie di iniziative e con cui intende promuovere, concretamente, i servizi destinati agli utenti impossibilitati alla lettura o con difficoltà visive. «Un successo indubbiamente importante per l’Ateneo – ha commentato il Rettore, prof. Maurizio Ricciperché va letto in una chiave molto più ampia, in quanto ad avvalersi delle nuove postazioni e dotazioni non sarà solo l’Università di Foggia, ma tutta la cittadinanza, il cui accesso al patrimonio bibliografico è stato finora già garantito proprio in considerazione del fecondo rapporto intercorrente tra UniFg e la sua collettività di riferimento. Ora saremo in presenza di un ulteriore rafforzamento del fruire comune delle strutture bibliotecarie. In un periodo caratterizzato da notevoli tagli nei finanziamenti, un particolare ringraziamento va rivolto alla scelta qualificante della Regione Puglia, in particolare nella persona dell’Assessore all’Industria turistica e culturale, retto dalla dott.ssa Loredana Capone, perché mettere a disposizioni risorse così ingenti per le biblioteche vuol dire, a nostro parere, investire per il futuro delle nuove generazioni e per lo sviluppo della cultura, elemento, questo, fondamentale anche per affermare concretamente il principio di legalità. Inoltre, il mio personale ringraziamento va al gruppo di lavoro, che ha elaborato un così brillante progetto, tale da posizionarlo nei primi posti della graduatoria, assicurando così all’Università di Foggia un finanziamento cospicuo e molto importante vista la sua destinazione».

Insieme ad O.A.S.I. è stato finanziato anche l’acquisto di libri ed e-book sempre destinati al Sistema bibliotecario dell’Università di Foggia, per un importo pari a 160.000 euro.